women                

acrylic, paper 
100x120 cm 
© Chen Li 
2011 

women

DETAILS: tribute to western and eastern culture. Here is a serie made in paper for the exhibition in the Museo della carta di Schio (museum of paper in Schio, near Venice in Italy).

exhibition: 2012, "Donne d'arte e di carta", Museo della carta, Schio (Italy); curator: Valeria Bertesina


Women project started in 2009. The installation consists of 20 plaster elements depicting a woman’s shoes with the heel leaning on a pedestal as to suggest a path. The work was especially designed for the Archivio Storico Olivetti in order to make the white elements stand out once positioned, and to adapt to any gradient or area. The choice of the shoes was made to symbolize the planning process viewed as a path where the key words assume a necessary importance. Each element has an inscription, a word which represents a value, a step of the project: Lightness, quickness, accuracy, visibility, multiplicity, beginning, end, knowledge, form, thought, language, ambiguity, game, independence, message, movement, structure, texture, module. Each word has its own weight, which the artist decided to lighten with the woman’s shoe element, fi rst because it symbolizes human presence and second as a representation of popular contemporary culture and of the woman. A woman that is different each time, as the elements that are always diverse and to be approached differently. The artist chose to look at the project from a woman’s point of view, with delicacy and irony, keeping an eye on fashion. The words selected are an homage to two great masters of Italian literature: Italo Calvino and Bruno Munari. Both dedicated their lives to an ideal of beauty and values close to the Olivetti philosophy. A tribute to two great man of international fame.


Il progetto "Donne" nasce nel 2009. L’installazione consta di 20 elementi in gesso che raffi gurano una scarpa femminile con il tacco su un piedistallo, disposte come un percorso. L’opera è stata studiata site-specifi c per l’Archivio Storico Olivetti, in modo che gli elementi spiccassero una volta posizionati dato il colore bianco e si adattassero a qualunque tipo di pendenza o area. Le scarpe perché la progettazione viene vista come un cammino dove le parole chiave assumono un’importanza necessaria. Su ogni elemento c’è un’iscrizione, una parola che rappresenta un valore, un passo della progettazione: leggerezza rapidità esattezza visibilità molteplicità inizio fi ne conoscenza forma pensiero linguaggio ambiguità gioco indipendenza messaggio movimento struttura texture modulo Ogni parola ha un suo peso che l’artista ha deciso di alleggerire con l’elemento scarpa da donna, primo perché rappresenta la presenza umana e poi quale simbolo della cultura popolare dei nostri tempi e della donna. Una donna sempre diversa, infatti gli elementi sono sempre diversi e si approcciano in modo diverso. L’artista ha scelto di guardare il progetto da un punto di vista femminile, con delicatezza ironia e anche un occhio alla moda. Le parole scelte sono l’omaggio a due grandi maestri della letteratura italiana: Italo Calvino e Bruno Munari. Entrambi hanno dedicato la loro vita a un ideale di bellezza e di valori vicini alla fi losofi a Olivettiana. Un omaggio all’Italia e ai suoi grandi uomini di respiro internazionale.