CALLIGRAFIA / LETTERING / SCRITTE / PAROLE                                                          

La calligrafia è una scusa per guardare al mondo con occhi nuovi, mescolando stili, culture, punti di vista per arrivare a un'elevazione del livello culturale generale, come fa il buon design: silenziosamente.

La danza dei segni - 书法 - 字舞

tutto sulla calligrafia

Dal 1995 lavoro come calligrafa professionista per agenzie di pubblicità, case editrici, scuole, privati sia per calligrafie commerciali, logotipi e immagini coordinate, sia per progetti artistici site specific.
Usiamo la scrittura e la calligrafia in molti modi, ma ogni volta è una visione nuova, grazie anche alle occasioni offerte da clienti illuminati e aperti alla sperimentazione.
La calligrafia è una scusa per guardare al mondo con occhi nuovi, mescolando stili, culture, punti di vista per arrivare a un'elevazione del livello culturale generale, come fa il buon design: silenziosamente. Dunque calligrafia non riguarda solo la scrittura, ma è un sistema di misurazione che investe ogni aspetto della nostra vita dove ci sia bisogno di rompere gli schemi o portare bellezza e significato: nella moda, nel cibo, nell'arte, nella parola. 

Molti ancora mi chiedono durante i primi incontri o nei workshop: che cos'è la calligrafia? 

La calligrafia è la ricerca della bella scrittura, che si può ottenere studiando gli antichi maestri del passato e il loro splendido lavoro. Ma la calligrafia oggi è qualcosa di più complesso e di più interessante: la calligrafia per me è la ricerca di una bella scrittura sia formalmente sia nel suo contenuto. Formalmente intendo che partendo da regole storiche, dunque dopo studi approfonditi dei vari stili si eseguano le forme con competenza e correttezza. Per quanto riguarda il contenuto si tratta di un argomento più complesso: il contenuto è di due tipi, sia il contenuto della parola se questa è leggibile, sia il contenuto che la calligrafia stessa porta con sè, la propria forza, l'energia del calligrafo che la traccia. È un contenuto che va oltre la parola, la completa. Questo contenuto è indissolubile sia dalla sua forma esteriore, sia dal suo contenuto intrinseco di parola. Una calligrafia è riuscita quando c'è l'incontro felice di questi tre elementi. 

Qualunque forma diamo alla parola, mandiamo un messaggio, anche se il nostro messaggio non avesse parola, ma fosse solo segno, anche questo trasmette un suo significato.
La calligrafia attuale si può distinguere in calligrafia formale, leggibile, che segue le forme storiche, e calligrafia sperimentale, espressiva, dove la forma può prendere il sopravvento sulla lettera. 


approfondisci CONTATTI

Logotipi e lettering 标志

Logotipi e lettering

Per molti anni ho lavorato nel campo della grafica soprattutto dedicandomi al logo e ai marchi aziendali: per me il migliore lavoro del mondo. In un piccolo gesto c'è la vita di un prodotto, di un'azienda, la storia di tante persone e spesso di generazioni. Capire, interpretare e rappresentare tutto ciò è un viaggio tra i più interessanti. 

- loghi manoscritti personalizzati su richiesta                 - scritte pubblicitarie                                 
- lettering & Co.

approfondisci CONTATTI

Calligrafia per eventi di gala e nozze 婚礼和盛会

Gala / Wedding

La migliore calligrafia per eventi da ricordare

Dopo molti anni di esperienza di calligrafa professionista per eventi di gala di grandi aziende multinazionali e di piccoli eventi privati, ho maturato un ricco porfolio di lavori, ma soprattutto un desiderio di rendere il mio lavoro una parte sempre nuova e migliore per eventi futuri.
La calligrafia rende un evento unico e irripetibile, soprattutto per persone speciali abituate a trattamenti unici. Come un abito fatto a mano, anche la scrittura va curata e cucita su ogni evento (cene, matrimoni, eventi di gala), per cui non sarà mai uguale, a meno che non venga richiesta tale.
La calligrafia non è per tutti, ma talvolta per un'occasione speciale vogliamo scrivere un messaggio in un modo diverso, curato, perché va a persone a cui teniamo molto.
Si può realizzare il progetto grafico completo delle partecipazioni con inviti, menu, buste e biglietto bomboniera, tableau mariage, segnatavoli, segnaposti da stampare in digitale o in offset, oppure si possono scrivere direttamente tutte le partecipazioni e le buste a mano in calligrafia su una carta adatta al vostro gusto e coordinata con il vostro evento.
I tempi di consegna sono molto rapidi, ma occorre organizzare tutto per non arrivare all'ultimo con gli imprevisti.
Speciali condizioni per chi si sposa. Contattatemi anche se abitate fuori Torino.
Alcuni servizi di calligrafia:
- BUSTE
- INVITI
- MENU
- SEGNAPOSTI E SEGNATAVOLI
- MONOGRAMMA o logo dell'evento
- LISTE NOZZE
- PARTECIPAZIONI DI NOZZE
- TABLEAU MARIAGE
- BIGLIETTI BOMBONIERE



approfondisci CONTATTI

Corsi di calligrafia - 2017

Segni - Tracce - Scritture, Milano, Fondazione Prada

A cura di Chen Li, artista e calligrafa professionista di origine cinese. 

“[…] Ma non è una serenità rilassata che il calligrafo deve conseguire; piuttosto una serenità infusa di energia. È l’unione completa di energia fisica e mentale.” 
Da “Il calligrafo” di Todd Shimoda 

Attraverso l’uso di strumenti naturali si tracceranno segni liberi, senza significato semantico. Impareremo ad osservare le diverse dimensioni e trame della carta e ad organizzare i segni tra pieni e vuoti per rendere visibile la nostra energia vitale.


Corsi di calligrafia - CONCLUSI

Corsivo, Torino, 21-22 gennaio 2017

corso per principianti e/o per chi vuole imparare i principi della scrittura corsiva, con particolare attenzione alla scrittura Rotonda e al corsivo di origine francese, le sue forme storiche, le sue forme: conoscerlo, praticarlo nella sua versione formale leggibile con strumenti di scrittura tipici e con strumenti alternativi per esplorare la calligrafia espressiva.  Il corso nasce dall'esigenza di un modello di calligrafia per la vita di tutti i giorni e soprattutto un modello che può essere semplice, attuale ma riconducibile a una radice storica precisa. Per riscoprire il corsivo utilizzarlo, svilupparlo e anche insegnarlo ai bambini con il pennino a punta tronca e con strumenti alternativi e liberi. DOVE: Torino, cortile del maglio, via Andreis 18 int. 18/E  QUANDO: 21-22 gennaio 2017 - 9,30-13,30 e 14,30-18.30 info e iscrizioni: chenli@chenli.it

Breve resoconto: sabato 21 e domenica 22 il corso di calligrafia corsiva ispirato alla tonda e al corsivo italiano. Un piccolo gruppo eterogeneo di insegnanti, professionisti, semplici curiosi, terapeuti, appassionati di scrittura e di lettura. Un bel gruppo dove ognuno ha ricercato la propria strada, con umiltà e grande lavoro. La corsiva ha incuriosito e unito con obiettivi diversi ma intensamente, per due giorni pieni di sorprese e bellezza.

Scrivere con il pennello 2017

corso rivolto a grafici e disegnatori per sperimentare con il pennello a punta tonda e lettering attuale e personalizzato per studenti, insegnanti, con dimestichezza nell'uso del pennello. Scuola internazionale di Comix, Torino, febbraio 2017

Alfabetonatura 2010

calligrafia+ceramica, Torino - con Chen Li e Maria Teresa Frizzarin

Alfabetonatura 2011

calligrafia+ceramica, Torino - con Chen Li e Maria Teresa Frizzarin

Scrivere con il pennello 2013

Lugano - Ospite dell'associazione calligrafica di Lugano, ho proposto un corso sperimentale con il pennello e le diverse possibilità della scrittura sperimentale.

Laboratorio al Museo Mazzetti - Asti

segni e scritture a bambini della scuola primaria

Alfabetonatura 2012

calligrafia+ceramica, Torino - con Chen Li e Maria Teresa Frizzarin

Alfabetonatura 2015

calligrafia+ceramica, Torino - con Chen Li e Maria Teresa Frizzarin

Corsi di calligrafia - relazioni

Chen Li
Esperienze di lavoro con bambini, ragazzi delle medie e con gli adulti.

1) Con le civiche biblioteche Torinesi
, in particolare con la biblioteca Aurora, si è organizzato un corso dedicato ai bambini delle scuole elementari della Circoscrizione 7. I bambini erano di età variabile dai 6 ai 7 anni, al primo anno di elementari. Ho preferito iniziare con bimbi che conoscevano la scrittura poco, perché ho applicato un approccio tipo gioco, dal segno, dal disegno (in un primo incontro di un paio d’ore, eccezionale per l’età) alla scrittura nel secondo incontro. I risultati sono stati molto buoni: a quest’età i bimbi non si pongono molti problemi, hanno ancora un buon equilibrio corpo-mente. Oserei dire che hanno coscienza di fare bene, non sprecano inutilmente tempo a vergognarsi di non saper fare. Copiano gli esempi inventando un universo parallelo, che assomiglia vagamente al modello, ma lo arricchisce di contenuti sorprendenti per noi adulti. Le maestre e le responsabili della biblioteca sono state parte integrante del buon risultato dell’esperimento. La loro preparazione ad affrontare le esigenze dei bambini, la loro accoglienza calorosa hanno reso il “lavoro” un gioco interessante, dove era bello sporcarsi ancora, come all’asilo. La vitalità che si legge in queste piccole grandi opere ripaga di ogni fatica l’insegnante.
Infine: ritengo importante iniziare la calligrafia da piccoli per poter vedere subito che cosa si può fare con le proprie mani, che anche altre persone sono in grado di fare cose belle con strumenti e con le mani, non solo con il computer. I segni non devono essere necessariamente immediatamente leggibili: l’importante è che abbiano una loro coerenza, un loro ritmo, in modo che nel passaggio dal segno alla scrittura questa armonia sia ormai acquisita.


2) Relazione finale su attività svolta nella scuola media inferiore “Croce Morelli” a indirizzo sperimentale, Torino (Circoscrizione 7)

Premessa

L’esperienza in questa scuola con questi ragazzi, sia di prima, sia di terza e con gli insegnanti è stata un incontro molto importante.
Primo perché ho potuto lavorare in un contesto multiculturale dove la ricchezza delle esperienze individuali e del bagaglio culturale di diversa provenienza è un arricchimento collettivo.
Secondo perché lavorare con la scrittura in maniera creativa, liberatoria e con un approccio artistico, nel senso che è mirato all’espressione personale, è una formula che funziona.
Funziona come momento di aggregazione. Funziona come scoperta di sé, delle proprie potenzialità. Si acquisisce quella sicurezza che in altre discipline è più difficile perché più teoriche. Perché attraverso la scrittura ci si riappropria dell’uso del corpo. Si usano le mani, e si scopre che sappiamo ottenere con esse e dei semplici strumenti che ci fornisce la quotidianità (pezzetti di legno, rametti, foglie, sassi, conchiglie) cose bellissime. Il passato torna in un attimo con tutta la sua forza a raccontare che i nostri padri e i nostri antenati avevano già scoperto la comunicazione. La pratica della calligrafia permette di comprendere meglio il passato e il presente. La forma della scrittura è collegata alla cultura di un paese, è termometro di uno stato d’animo. Entrare in sintonia con la scrittura e farla propria ci mette in contatto diretto con una cultura visivamente, non solo a livello cosciente, bensì anche a livello emotivo. A quel punto, si può tornare a usare la tecnologia con più padronanza, perché il nostro occhio ha visto cose nuove, abbiamo sentito una nuova energia che non sapevamo di avere. Finalmente capiamo che il computer è un mezzo potentissimo, ma solo un mezzo e siamo noi a decidere come farlo lavorare.
Infine: la multiculturalità è una risorsa per combattere la ormai celebre omologazione. Omologazione delle mode, dei gusti, dell’arte, del pensiero: un viaggio senza muoversi da casa, un rimettersi in gioco quotidiano. 

3) Lo stesso tipo di approccio applicato agli adulti,nella ricerca del segno, ha dato lo stesso ottimi risultati. Non è necessario avere una bella scrittura per fare calligrafia, occorre ricominciare, come da piccoli a scoprire noi stessi, le nostre mani, le cose che amiamo. Partiamo dalla nostra esperienza di vita, dal nostro bagaglio culturale e l’unico lavoro difficile che dobbiamo affrontare è non avere paura di sbagliare. Al resto deve pensare un buon insegnante.

Chen Li

FAQ

Infine, un questionario che mi hanno sottoposto delle studentesse francesi via e-mail e le mie risposte, che possono spiegare un po’ qualcosa della calligrafia:
> pensa che la scrittura abbia un legame importante con la lingua parlata? cioè che uno agisce sull'altro...
Sicuramente la scrittura e la cultura sono un tutt'uno, chi ama la parola la ama in ogni modo: parlata, scritta, cantata, letta, e la forma della parola è la rappresentazione di uno stato d'animo (attitude)
> pensa che la calligrafia attuale sia un ritorno semplice alla calligrafia di qualche secolo fa?
Per alcune persone il piacere della scrittura si esaurisce con lo scoprire la storia e le forme storiche delle lettere, per altri questo non è sufficiente e si provano a cambiare le regole storiche per dare alle lettere una vita nuova, attualizzarle.
> qual è la differenza tra il ruolo della calligrafia di prima e il ruolo di quella di oggi?
Una volta si doveva per forza scrivere e scrivere bene, altrimenti non esisteva comunicazione. Oggi grazie al computer e agli altri media, la scrittura è diventata un optional e così la calligrafia, ma tante persone sono sensibili alla calligrafia, anche se non è più necessaria, perché desiderano recuperare quella parte di umanità che tutti noi amiamo. La calligrafia ha una nuova funzione, comunicare l'interiorità e non solo essere funzionale. Trovo che sia un mezzo espressivo completo, una forma d'arte ancora in evoluzione, basata sul segno e la composizione e il contenuto che porta con sé. 

Copyright © chenli.it 2016

Pinterest Facebook LinkedIn RSS